News

Ultime notizie

fotografie-donne-allattano-seno-tammy-nicole-15.jpg

Il nostro impegno per un futuro migliore

SosMama prosegue il progetto di formazione per peer-counsellors e pediatri specializzandi: insieme per sostenere, promuovere, proteggere l’allattamento

Foto di @Tammy Nicole

SOSMAMA è nata 18 anni fa in un territorio, quello di Formigine, forte della presenza capillare di associazioni di Volontariato che, da sempre, vedono impegnata parte della cittadinanza con lo scopo comune di rendere migliore la salute e la qualità della vita di tutta la comunità

Una delle strategie più efficaci per garantire a tutti un futuro migliore è la PREVENZIONE, e questo noi volontiarie di SosMama, che oltre ad essere donne siamo anche mamme, lo sappiamo bene.

Ecco perchè poniamo tanta attenzione al primo alimento, la perfezione nutritiva per chi viene chiamato alla vita, l’alimento che ha garantito la sopravvivenza della specie umana: il latte materno. Lavoriamo costantemente per una campagna di sensibilizzazione che ci vede impegnate in incontri di formazione e di informazione aperti a tutti, perchè la conoscenza è l’arma più potente per affrontar il nostro futuro.

Abbiamo pensato e creato molti progetti in questi anni, ma ce n’è uno di cui siamo particolarmente orgogliose per i suoi risultati: un ciclo di seminari in materia di allattamento, iniziato già due anni fa, realizzato in collaborazione con una formatrice di eccellenza, consulente professionale IBLCL, Tiziana Catanzani. La particolarità degna di nota risiede nei partecipanti: medici specializzandi in pediatria presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università di Modena e Reggio-Emilia, i quali hanno scelto di aderire al corso avanzato – tenutosi dal 12 al 14 Aprile scorso – per affrontare un argomento importante come quello dell’allattamento al seno; giovani medici che hanno investito tempo ed energie per integrare il loro percorso universitario ed apprendere preziose nozioni scientifiche sull’allattamento materno, fianco a fianco con le consulenti alla pari dell’associazione.

Grazie a questa iniziativa nei prossimi anni il territorio si arricchirà della presenza di medici con una preparazione specifica in materia di allattamento, che potranno svolgere un fondamentale lavoro di prevenzione e realizzare una diffusione sistematica di informazioni corrette che, certamente, potrà raggiungere un maggior numero di famiglie.

SosMama è molto orgogliosa di aver contribuito a creare le condizioni favorevoli e ad attivare le giuste sinergie con l’unico obbiettivo di riuscire a rispondere in maniera sempre più efficace alle richieste di aiuto e di sostegno che ogni giorno ci giungono da genitori che si trovano in difficoltà con l’allattamento.

Desideriamo pertanto rivolgere alcuni doverosi ringraziamenti, il primo fra tutti alla dott.ssa Giulia Zagni per essersi adoperata nell’organizzazione dei corsi con tanta energia e passione. A seguire, un grazie sincero ed affettuoso a Tiziana Catanzani che non si stanca mai di arricchirci, con la semplicità e la competenza che la contraddistinguono. Ed infine, ma forse più significativo, il nostro caloroso ed ammirato ringraziamento va ai medici che hanno partecipato e che parteciperanno ai prossimi seminari, dimostrando un impegno ed una curiosità che li porteranno certamente a brillanti risultati.

È così che noi vediamo il futuro: camminando insieme a tutti coloro che sanno riconoscere il valore della prevenzione per la salute e il futuro dei nostri figli, uomini e donne di domani!

Vuoi saperne di più?
logo_ITA_bassa2-1.png

SAM 2019 -Allattamento e genitorialità: Flash Mob!

Sabato 5 Ottobre 2019
ore 10:00

La Settimana per l’Allattamento Materno (SAM) – dal 1 al 7 di ottobre tutti gli anni raggruppa gli sforzi di tutti i promotori dell’allattamento materno, i governi, ed enti per sensibilizzare l’opinione pubblica e per generare sostegno, utilizzando un tema diverso ogni anno.

Lo slogan di quest’anno, “Potere ai genitori per favorire l’allattamento”, è stato scelto per abbracciare tutte le tipologie di famiglia del mondo contemporaneo. Estendere il sostegno a entrambi i genitori e aumentarne la consapevolezza è determinante affinché questi ultimi possano realizzare gli obiettivi che si prefiggono in tema di allattamento.

In occasione di questa importante ricorrenza, alla quale SosMama non farà mancare il proprio contributo, siete tutti invitati ad una mattinata da trascorrere insieme, con tante attività ed iniziative proposte:

PRESSO IL CENTRO PER LE FAMIGLIE
VILLA BIANCHI – VIA LANDUCCI 1/A (ingresso VIA FIORI), CASINALBO

Scarica il volantino: clicca qui!

Infografica SAM 2019

Vuoi saperne di più?
its-story-time-1.png

It’s Story Time!

Ci siamo divertiti tantissimo insieme alla fantastica Isabella. Un pomeriggio magico e spensierato che non vediamo l’ora di rivivere, insieme a voi.

Quindi non mancate! Vi aspettiamo ancora più numerosi in occasione del prossimo incontro

Mercoledì 31 Luglio, ore 17

Sempre,

PRESSO LA SEDE DELL’ASSOCIAZIONE SOSMAMA
VILLA BENVENUTI – VIA SASSUOLO, 6, FORMIGINE

Vuoi saperne di più?

Mi chiamo Ylenia Berretti, ho 35 anni e abito a Sassuolo.

Nell'ormai "lontano" gennaio del 2009, è nata la mia prima bimba, Giulia. Un parto naturale, fisiologico, bellissimo; e poi l'allattamento, difficile, doloroso, pieno di dubbi e domande.

Si, perché Giulia aveva bisogno di attaccarsi al seno molto spesso e, nel giro di poco tempo, i miei capezzoli iniziarono a rovinarsi e il momento dell'allattamento divenne cosi un momento carico di ansia e dolore. Ma io?? Testarda, convinta, ostinata, volevo assolutamente allattare perché pensavo che se ero riuscita a partorire dovevo anche essere in grado di alimentare quella scricciolina che tenevo tra le braccia.

Ho partorito il 3 gennaio, tempo di vacanze natalizie. Gli ambulatori dell'allattamento avevano orari poco compatibili con le mie esigenze, sopratutto perché richiedevano di uscire di casa...ma io avevo tanto dolore e non era così facile spostarsi.

Ho deciso di telefonare a SosMama, di cui numero avevo trovato nel pacchetto informativo consegnatomi in ospedale dopo il parto. Ricordo bene lo stupore provato nel sentirmi rispondere che sarebbero venute a casa mia il giorno successivo e tutte le volte necessarie...già quella risposta mi aveva rincuorata e fatta sentire meno sola.

Così è iniziato il mio rapporto con l'associazione, ed in particolare una relazione con una mamma che continua tutt'ora. Io ero decisa e convinta, e ciò che più mi ha aiutata e sostenuta, al di là della competenza specifica, è stata la consapevolezza di essere in una relazione tra donne e mamme. Ho trovato tanta comprensione, preparazione e professionalità; sentire che qualcun altro che dava la medesima importanza al desiderio di riuscire ad allattare senza dolore, godendo dell'esperienza più bella della mia vita, è stato il regalo più bello.

Dopo questa prima esperienza ho deciso di frequentare gli incontri per mamme e piccoli proposti dall'associazione, legati a diversi temi, ed ho anche frequentato un corso di primo livello sul sostegno all'allattamento. Poi ho avuta la seconda, la terza bimba e da 8 mesi il quarto bimbo...e con sempre meno tempo a disposizione la mia esperienza non è mai iniziata. Prima e dopo ogni parto e durante ogni allattamento ho sempre ricercato il contatto e il sostegno delle mamme dell'associazione, come riferimento importante. E' sempre rimasto vivo in me il sentimento di vicinanza per le donne che vivono questo delicato momento, e ho sempre offerto aiuto, per quanto potessi, ad amiche o conoscenti nell'immediato post partum o in allattamento, indirizzandole verso l'associazione quando necessario.

Abbiamo tutte bisogno di sentire altre donne, altre mamme, che abbiano già vissuto le nostre stesse esperienze, che possano starci vicino, ascoltarci e se necessario metterci una mano sulla spalla perché ciascuna di noi trovi il suo modo di essere donna e mamma, il suo modo di allattare e crescere il proprio bambino.

Ylenia B.
storytime2.png

Lettura e laboratorio in inglese

L’estate è iniziata, ma SosMama non va in vacanza!
Per questo mese presentiamo due incontri molto speciali, dedicati ad un momento di grande intimità tra bimbi e genitori: la lettura di una storia.

Leggere ad alta voce è importante per lo sviluppo del linguaggio del bambino, e questo è maggiormente vero nel caso dell’apprendimento di una seconda lingua, dove si ha bisogno di esercizio costante per cercare di praticarla quotidianamente.

Il tempo della lettura è un momento di condivisione, sia di fatti ma sopratutto di emozioni. Il racconto accende nuove idee nella mente del bambino e viene traslato nella sua piccola realtà e diventa parte della sua esperienza vissuta: tutto questo avviene sia con un libro letto nella propria lingua madre, sia con un libro letto nella seconda lingua che si vuole apprendere.

Grazie alla preziosa collaborazione di Isabella Savino, insegnante certificata e curatrice del laboratorio, SosMama è lieta di proporre due incontri pomeridiani dedicati ai bimbi tra i 3 e i 5 anni:

Mercoledì 17 Luglio, ore 17

Mercoledì 31 Luglio, ore 17

Vi aspettiamo, come sempre,

PRESSO LA SEDE DELL’ASSOCIAZIONE SOSMAMA
VILLA BENVENUTI – VIA SASSUOLO, 6, FORMIGINE

Scarica il volantino: clicca qui!

Vuoi saperne di più?

Mi chiamo Ylenia Neosi, ho 29 anni e vivo a Modena da circa sei anni.

Il 4 aprile 2017 ho vissuto l’esperienza più bella della mia vita: sono diventata mamma di una splendida bambina di nome Isabel. Delle prime settimane non ho ricordi nitidi: è stato un periodo pieno di bellissime emozioni, ma anche di tante difficoltà. Sin dalle primissime notti Isabel piangeva tanto, ed io non sapevo cosa fare; chiedevo supporto alle ostetriche, ma non mi sentivo capita. Pensavo che l’allattamento fosse una cosa naturale e semplice, invece fin da subito ho incontrato difficoltà.

Al primo controllo dopo le dimissioni ho fatto presente che la bimba piangeva in continuazione: chiesi alla pediatra se il problema fosse dovuto alla modalità di attacco al seno o altro. Solo allora mi diedero un’aggiunta minima di latte, per paura che la bimba piangesse non vedendo soddisfatto il suo fabbisogno nutritivo. Si accorsero che avevo un seno duro e mal drenato e mi diedero istruzioni per provare a risolvere il problema. Ho seguito ovviamente tutto alla lettera ma la situazione non migliorava: la bambina faceva molta fatica ad attaccarsi al seno e questo la innervosiva, finendo così per prendere sempre più latte artificiale. Tra tutto questo in me cresceva un profondo senso di inadeguatezza perché non mi sentivo in grado di capire i bisogni di mia figlia.

Questi primi giorni sono stati solo l’inizio di un percorso molto difficile. Ho contattato diversi professionisti (del pubblico e del privato sociale) - non solo a Modena, ma anche nella mia città natale - perché volevo riuscire ad allattare al seno la mia bambina: in fondo alla mia mente insisteva la sensazione che non tollerasse il latte artificiale. Tutti questi pareri, discordanti tra loro, non facevano altro che confondere ancora di più le mie idee e allontanarmi dal vero senso della maternità. Io seguivo puntualmente le indicazioni date ma non ottenevo alcun risultato.

In questa fase mi confrontavo molto con amiche che, al contrario di me, allattavano con successo i loro piccoli; una di queste, in particolare, (diventata poi la madrina di mia figlia) mi aveva spinto a compiere un ultimo, disperato tentativo, chiedendo aiuto ad un’altra associazione di mamme volontarie - SosMama - che aveva conosciuto in ambito lavorativo. Ero sempre più demotivata e sfiduciata e avevo ormai quasi imparato a convivere con il pianto incessante di mia figlia, anche se mi provocava forti disagi. A quel punto Isabel aveva quasi due mesi e si nutriva principalmente di latte artificiale. Su forte spinta di mio marito, altra figura fondamentale nel mio percorso, mi sono convinta quindi a fare un ultimissimo tentativo. Mi ricordo che quando telefonai alla consulente la prima cosa che le dissi fu testualmente:

“Io sono molto scarica, sono alla frutta...non ho più energie e spazio per consigli e tentativi...le ho provate tutte, ho bisogno di qualcuno che mi supporti ogni giorno e non di persone che mi diano indicazioni e mi dicano cosa fare lasciandomi poi da sola”

Dopo una chiacchierata di un’ora mi disse che sarebbe venuta da me, a distanza di un paio di giorni, una consulente che avrebbe valutato un pò tutta la mia situazione; da quel momento sono diventate presenza costante e quotidiana in questo bellissimo percorso di allattamento. A quella persona raccontai la mia esperienza da quando era nata la bambina, e lei con pazienza e professionalità mi spiegò per filo e per segno cosa avrei dovuto fare e mostrandomi come farlo. All'inizio è stato molto faticoso e sono stati tanti i momenti in cui avrei voluto gettare la spugna; ma grazie al costante supporto loro e di mio marito ho ottenuto finalmente il risultato atteso.

SosMama per me è un riferimento costante: ho trovato delle donne competenti e professionali, oltre che di grande valore umano, che in maniera volontaria hanno sostenuto il mio percorso e la delicata realtà del dopo nascita. Faccio tuttora riferimento a loro per ogni dubbio (dallo svezzamento, al sonno,etc). Data la mia esperienza personale ho molto spesso consigliato, a chi come me ha avuto delle difficoltà, di rivolgersi a questa associazione con la grande soddisfazione di scardinare la concezione media che un servizio efficace e competente sia per forza a pagamento.

Ylenia N.

Il mio bambino non dorme mai…

Lunedì 29 Aprile 2019
ore 10:00

Tutti “crollano dal sonno”; ad esso non si può resistere. Senza dormire si muore: come per il respiro, non si può trattenere a lungo. Se un bambino non dorme, è necessario chiedersi il perché. E spesso questo perché porta un nome molto semplice: ansia da separazione

Vi aspettiamo per un incontro di condivisione alla pari, in cui manifestare – e risolvere- dubbi ed interrogativi, come sempre,

PRESSO LA SEDE DELL’ASSOCIAZIONE SOSMAMA
VILLA BENVENUTI – VIA SASSUOLO, 6, FORMIGINE

Scarica il volantino: clicca qui!

Vuoi saperne di più?